Ricerca alloggio

RICERCA RAPIDA


Richiesta preventivi / info

Desidero ricevere informazioni
per un eventuale soggiorno in


Arrivo
Partenza
N° adulti 
N° bambini
Email
Nominativo
Altro / note / età bambini
Ricopiare il codice scritto sotto
Codice di verifica: 4695
I dati saranno inoltrati alle strutture che risponderanno alle vostre richieste
CONSENSO
NECESSARIO PER POTER
EVADERE LA RICHIESTA

al trattamento dei miei dati

Sondaggio

Hai già fatto una vacanza in Val di Fassa?




Pensi di trascorrerre un soggiorno in Val di Fassa?





Invia opinione  Vedi risultati

Escursioni in Val di Fassa

CIAMPEDEL (Campitello) - Col Rodela - Pas Duron (Casa Alpina Sciliar del TCI) -VAL DURON


Da Ciampedèl (m 1.448) si sale in funivia al Col Rodela e, non senza aver prima effettuato una piccola digressione alla cima (m 2.484) per ammirare il magnifico panorama circolare, si scende (sentiero n. 529) sul versante nord alla vicina Sela Rodela (m 2.318) (ore 0.15). Ci si avvia quindi sul sentiero n. 557/4 denominato Friedrich-August-Weg dal re di Sassonia appassionato botanico. Si cammina su comodo sentiero che presenta minimi dislivelli attraversando le prative pendici del Sasso di Levante e del Sas Piat (Sasso Piatto), dove si incontrano i rifugi Friedrich August (m 2.298) e Pertini (m 2.300), per uscire sull’ampia sella erbosa del Jouf de Fascia (Giogo di Fassa) presso il rifugio Sasso Piatto a m 2.301 (ore 2.00; 2.15). Qui si prosegue (sentiero n. 594/4) sui ores de Fascia (cresta di Siusi) di nere rocce vulcaniche. Il sentiero che presenta un andamento per lo più pianeggiante corre all’inizio lungo la cresta e poi sul versante della Val de Duron per mantenervisi fino al Passo omonimo (ore 1.00; 3.15). Due selle lungo il percorso permettono di catturare superbi panorami anche del versante opposto con l’Alpe di Siusi e le Odle in primo piano. Dal Pas de Duron si può raggiungere in 10 minuti, discendendo il versante di Siusi, la casa Alpina Sciliar oppure proseguire a sinistra verso il rifugio Alpe di Tires a m 2.440 (ore 1.00) sulla strada sterrata, che sale sì costantemente, ma si fa ripida solamente nell’ultimo tratto, stretti fra la massiccia parete del Molignon a sinistra e le aguzze guglie giallorossastre dei Denti di Terrarossa a destra. Dal Pas de Duron si rientra invece a Ciampedèl scendendo a sinistra la carrareccia che si snoda tranquilla attraverso gli ondulati pascoli dell’alta Val de Duron e percorrendo il piatto fondovalle fino al rifugio Micheluzzi a m 1.850 (ore 1.30; 4.45) con la successiva marcata discesa fino a Ciampedèl a m 1.448 (ore 0.45; 5.30).

print
rating

Manifestazioni