Ricerca alloggio

RICERCA RAPIDA


Richiesta preventivi / info

Desidero ricevere informazioni
per un eventuale soggiorno in


Arrivo
Partenza
N° adulti 
N° bambini
Email
Nominativo
Altro / note / età bambini
Ricopiare il codice scritto sotto
Codice di verifica: 5392
I dati saranno inoltrati alle strutture che risponderanno alle vostre richieste
CONSENSO
NECESSARIO PER POTER
EVADERE LA RICHIESTA

al trattamento dei miei dati

Sondaggio

Hai già fatto una vacanza in Val di Fassa?




Pensi di trascorrerre un soggiorno in Val di Fassa?





Invia opinione  Vedi risultati

Escursioni in Val di Fassa

MOENA - MONT DA VICH (Passo dl Costalunga)


Si esce dall’abitato lungo via Alto Adige attraversando un primo ponte sul ruf de Costalongia (rio Costalunga). Si sale lungo il rio per una zona attrezzata con tavoli e panchine, lo si riattraversa continuando su un’antica strada selciata. Si svolta improvvisamente a destra per andare a contornare con ampia curva una zona di erosione sulla quale crescono stentati pini. Si passa in alto sulla profonda forra del rio, si sale ad una panchina oltre la quale il sentiero si addolcisce per un lungo tratto. Si prosegue oltre un ponticello in muratura per immettersi infine sulla strada forestale per la Mont da Vich (ore 0.45). Si sale a sinistra per una zona caratterizzata da ampie radure, sezioni di bosco giovane e gruppi di giganteschi abeti. Da sinistra confluisce il sentiero da Malga Panna e Sort (Sorte). Su un tracciato divenuto più tranquillo, si esce infine dal bosco per fiancheggiare una vasta fascia di pascolo. Davanti si profila la cresta dentata che culmina sulla sinistra nella Cima Pope. Dopo un primo bivio (sentiero n. 524 per sforcela Toac) si arriva ad una bella tabella intagliata indicante a destra per il Passo di Costalunga (andando dritti si finisce in una zona di frana). Si va sul piano per scendere in diagonale ad attraversare il ruf de Peniola di cui si segue poi il corso verso monte. Si curva improvvisamente a destra su bella stradina di ghiaie bianche che sale con ampie e comode curve per un lungo tratto. A metà di una ripida salita si interseca una strada (strada di esbosco verso sinistra, sentiero n. 571 a destra) poi in piano si attraversa l’ultima porzione di abetaia per uscire all’aperto su un vasto pascolo punteggiato di larici. Il sentiero continua con pendenza appena accennata. Si passa a valle di una malga, con largo tornante si va a destra salendo infine alla statale nei pressi del passo (m 1.752), con vari punti di ristoro che si raggiungono verso sinistra (ore 2.00; 2.45).

print
rating

Manifestazioni